Cerca
  • Redazione

PMI creative: fondi per i settori della cultura e dell’arte, della musica e dell’audiovisivo


Il Ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti e il Ministro per la Cultura Dario Franceschini hanno firmato il decreto del MISE che rende operativo il Fondo per le piccole e medie imprese creative, al fine di sostenere gli operatori del settore e promuovere nuova imprenditorialità, attraverso l’emanazione di contributi a fondo perduto, interventi di sostegno nel capitale sociale e finanziamenti agevolativi da destinare all’acquisto di macchinari innovativi, servizi specialistici, finalizzati anche alla valorizzazione delle immobilizzazioni immateriali.


La misura prevede una dotazione totale di 40 milioni di euro, ovvero 20 milioni di euro per ciascun anno 2021 e 2022.

Potranno accedere a queste agevolazioni tutte le attività d’impresa dirette allo sviluppo, alla creazione, alla produzione, alla diffusione e alla conservazione dei beni e servizi che costituiscono espressioni culturali, artistiche o altre espressioni creative e, in particolare, quelle relative all’architettura, agli archivi, alle biblioteche, ai musei, all’artigianato artistico, all’audiovisivo, compresi il cinema, la televisione e i contenuti multimediali, al software, ai videogiochi, al patrimonio culturale materiale e immateriale, al design, ai festival, alla musica, alla letteratura, alle arti dello spettacolo.


L’INDAC, nella sua funzione di Istituto Nazionale per la tutela e la difesa del patrimonio artistico e culturale, non può esimersi dall’essere portavoce di tale iniziativa ritenendo importante la sua divulgazione ai suoi associati tutti e ai suoi interlocutori e, similmente, invita le Delegazioni costitute e costituende a interloquire con istituzioni locali e privati.



24 visualizzazioni0 commenti